martedì 25 novembre 2014

PIZZA CON LIEVITO MADRE


                             
       

Siamo molto golosi a casa mia e alla pizza non si rinuncia. Ho provato tante ricette ma questa è in assoluto (almeno per noi) quella che si assomiglia di più alla pizza verace napoletane.

Ingredienti
330 g Acqua a temperatura ambiente
18 g Sale
400 g di farina 0
110 g di farina di semola rimacinata 
45 g Lievito Naturale 

            
       

Procedimento
Rinfrescare il licoli quando sarà bello attivo 3/4 ore. Nella ciotola della planetaria versare l'acqua e il 75% della farina, il lm e impastare per 5 min. Aggiungere il sale, impastare altri 2 minuti. A questo punto coprire l'impasto con pellicola e lasciare riposare un 20 minuti per favorire l'autolisi.  Riprendere ad impastare aggiungendo la restante farina e lavorare il tutto per 20 minuti. Rovesciare sul piano di lavoro ed attendere altri 20 minuti, questo farà si che il vostro impasto si asciughi, dopo di che io prendo l'impasto faccio un giro di pieghe e metto la palla in un contenitore unto con un pochino d'olio. Metto in frigo per tutta la notte. L'indomani alle 13 tiro fuori l'impasto preparo le palline (con questa dose verranno 4 palline di circa 250 g) e metto al caldo (io le copro con un asciughino e poi con una coperta fino a quando sarà il momento di preparare  le pizze. Buon appetito.

venerdì 7 novembre 2014

CROISSANT DI FINTA SFOGLIA CON LIEVITO MADRE


         
       

Il venerdì per me è un bel giorno perché torna a casa mio figlio, e si quest'anno gli studi lo hanno portato in quel di Padova. Già dal giovedì sono in fermento su cosa fare , cosa preparare per pranzo e cena. La domenica mattina poi tutti  e tre insieme a colazione quindi mi piace preparare qualcosa di speciale. Questa settimana è stata molto produttiva, ho rinfrescato il mio licoli è la mia pasta madre diverse volte perché ho voluto fare il pane e questi deliziosi cornetti sfogliati si ma con pochissimo burro. Questa ricetta l'ho trovata sul web, me ne sono letteralmente invaghita, una brioche sfogliata, leggera e quasi dietetica. Provare per credere.
Ingredienti:
250 g di farina 0
100 g di farina 00
100 g di Manitoba
90 g di zucchero
190 g di lievito madre rinfrescato
200 g di latte
1 baccello di vaniglia
La scorza gratuggiata di un limone
2 uova
2 cucchiai di olio di arachide
Sal un pizzico
1 cucchiaino di malto
Per la finta sfoglia
50 g burro circa
Zucchero semolato qb

         
       

Procedimento
Nella ciotola della planetaria mettere 100 g della farina totale, 20 g dello zucchero totale la pasta madre a pezzi, il latte e il malto. Cominciare ad impastare bene fino ha che l'impasto vi risulterà abbastanza omogeneo, lasciare riposare due ore mezzo. Passato il tempo riprendere l'impasto ed aggiungere il resto della farina dello zucchero e cominciare ad impastare con il gancio a k.
Mentre la vostra planetaria starà lavorando aggiungere la vaniglia e la scorza grattugiata del limone. Da ultimo aggiungere l'olio e il pizzico di sale. L'impasto sarà pronto quando comincerà ad incordarsi intorno al gancio. A questo punto dividere l'impasto in otto palline cercando di essere precisi con il peso, far lievitare ben distanziate fra di loro e coperte da pellicola per almeno 4 ore. Passato il tempo riprendere le palline e su di un piano dal lavoro con l'aiuto di un po' di farina stendere otto dischi dello stesso identico diametro. Ora sovrapporre  ogni disco avendo cura di spennellare con il burro la superficie di ognuno e spolverizzarla con zucchero semolato,   
l'ultimo disco non andrà spennellato. prendere il mattarello e assottigliare con cura i dischi sovrapposti fino ad ottenere uno spessore ci 1/2 cm circa.  Dividere ora in 12 spicchi, formare i cornetti. Potete scegliere di farli lievitare per circa 6/7 ore e poi cuocerli oppure metterli su di un vassoio e surgerarli. Una volta surgelati io mi comporto così: la sera prima ne tiro fuori quanti me ne occorrono, metto a lievitare in forno spento per 6 ore circa e poi li cuocio a 180 gradi per  25 minuti.

           
  
 

GNOCCHI DI PATATE CON BROCCOLI E PARMIGIANO


                  
       

Gnocchi, ogni volta che li preparo torno in dietro di 40 anni quando ancora molto piccola la domenica mi divertivo a preparali insieme alla nonna. Era uno spasso poter partecipare a questo evento, la nonna  mi dava la possibilità di aiutarla in qualche modo, a me toccava farli passare sui rebbi della forchetta per dargli la classica forma. Io adoravo gli gnocchi alla bava cioè con la fontina fusa, oggi ve li voglio proporre con broccolo, peperoncino e parmigiano.


       

Ingredienti per 3 persone
Per gli gnocchi
6  patate di media misura
250 g circa di farina
Per il condimento
1 broccolo
1 spicchio d'aglio
Peperoncino 
Sale  
Parmigiano



Procedimento
Mettere a bollire le patate con la loro buccia e quando saranno cotte spellarle e passarle con lo schiacciapatate. Incorporare alle patate schiacciate la farina, io ne ho usato circa 250 g bisogna vedere quanto ne prendono le vostre patate, il composto che dovrete ottenere sarà morbido ma non dovrà essere assolutamente appiccicoso, dovrete poter lavorare bene l'impasto. Dividere in palline e con queste dovrete formare dei salsicciotti che poi taglierete in tanti piccoli gnocchetti. Passarli uno a uno sui rebbi della forchetta e disporli su di un vassoio infarinato. A questo punto preparate il condimento, dividere il broccolo in tante cimette, lavarlo e buttarlo in una capiente padelle dove avrete fatto appena appena rosolare l'aglio tritato molto finemente con l'olio. Far cuocere a fuoco lento. A questo punto cuociamo gli gnocchi che scoleremo con una schiumarola  solo quando verranno a galla. Farli saltare molto delicatamente nel condimento, aggiungendo anche del peperoncino, impiattare e spolverare con una manciata di parmigiano reggiano.


mercoledì 5 novembre 2014

TORTELLO ALLA ZUCCA

       
                            
                        

Questa torta salata tipica della mia città si può fare con diversi ripieni, è molto simile alla torta Pasqualina, l'unica differenza sta nel numero di sfoglie, la Pasqualina ne prevede 24 ed oltre, questa invece prevede una per il fondo e due di copertura. Ho deciso di usare come verdura per il ripieno solo esclusivamente la zucca. Molto buona, può essere usata come antipasto iniziale oppure come piatto unico perché molto ricca.



Ingredienti
Per la pasta 
250 g di farina 0 
60 g olio evo
130 g di acqua 
Sale qb
Per il ripieno
400 g di zucca 
1 cipolla dorata piccola
2 uova
80 g Parmigiano reggiano 
Noce moscata qb
Sale, pepe qb
   


Procedimento
Con la planetaria e il gancio a spirale fare la pasta con farina, acqua e olio e un pizzico di sale, lavorarla bene fino a che non vi risulterà liscia e non più appiccicosa, farla riposare. Nel frattempo preparare il ripieno, pulire la zucca e tagliarla molto finemente a piccoli pezzi. In una capiente padella far dorare appena la cipolla con l'olio, aggiungere la zucca, salare, pepare e far cuocere fino a che quest'ultima comincerà a disfarsi. Quando il ripieno sarà tiepido aggiungere le uova e il parmigiano grattugiato, aggiustare di sale e di pepe. Dividere il panetto di pasta in tre parti, una di queste sarà un pochino più grande delle altre due perché servirà a foderare la teglia. Una volta tirata ben sottilmente la sfoglia e foderata la teglia versarvi dentro il ripieno. Tirare molto finemente anche le altre due sfoglie e depositarle sul ripieno, avendo cura di spennellarle entrambe con olio. Terminata la copertura tagliare le eccedenze di pasta oltre il bordo teglia e formare un piccolo orlo chiudendo per bene i lembi della torta. Cospargere con un filo d'oilio e  Infornare a 180 gradi per 40 minuti circa. 

domenica 26 ottobre 2014

CROSTATA ALLA CREMA DI ARANCIA E CIOCCOLATO


           
        

Ho provato a fare questa crostata qualche giorno prima della laurea di mio figlio, avevo intenzione di portarla come dolce al rinfresco che abbiamo fatto subito dopo l'evento ma a mio figlio non è piaciuta perché a detta sua c'era troppo cioccolato. Comunque tirando le somme si è ritrovato in minoranza, perché a noi è piaciuta e quindi almeno con voi la voglio condividere. Buona Domenica a tutti.

Ingredienti
250 g di farina 00
50 g di fecola di patate
200 g di burro
100 g di zucchero semolato
1 uovo
I semi di una bacca di vaniglia
1 pizzico di sale

Per la crema al cioccolato
100 g di cioccolato fondente
2 cucchiai di panna fresca
2 uova

Per la crema all'arancia
Il succo di due arance
150 g di zucchero
2 uova 
2 tuorli
80 g di burro
1 foglio e 1/2 di colla di pesce
      
       
   

Procedimento
Preparare la frolla lavorando bene lo zucchero con il burro freddo tagliato a piccoli pezzi e la farina, né otterrete un impasto sabbioso, unire a questo punto l'uovo e amalgamare bene gli ingredienti. Con questo panetto foderare una teglia per crostate, io volevo provare la mia nuova teglia rettangolare ma va benissimo anche una teglia rotonda. Mettere a riposare in frigo per 30 minuti circa, il tempo necessario che vi ci vuole per preparare le creme. Iniziamo con la crema al cioccolato, in un pentolino far sciogliere  il cioccolato con la panna, togliere dal fuoco e unire le due uova mescolando bene, lasciar raffreddare.
È la volta ora della crema all'arancia, portare ad ebollizione il succo delle arance con lo zucchero e il burro, sbattere le uova, togliere dal fuoco e versarli nel succo, rimettere sul fuoco e mescolare fino a che la crema non comincerà a prendere un po' di consistenza, dovrà nappare il cucchiaio. A questo punto aggiungiamo la colla pesce precedentemente ammorbidita in acqua fredda e strizzata. Cuocere la frolla coperta di carta da forno e riempita di fagioli per 15 minuti circa, poi rimuovere la carta e i fagioli e far cuocere ancorare 10 minuti circa, il tempo di terminare la cottura del guscio. Quando si sarà raffreddata versare la crema al cioccolato e sopra la crema d'arancia. Far riposare in frigo per almeno 2 ore.



domenica 19 ottobre 2014

MUFFINS ALLA MARMELLATA D'ARANCIA


       


Questa sera mi sono voluta coccolare, mio figlio è partito, è come sempre quando va via, anche se sta fuori solo pochi giorni lascia un po' di vuoto. Tornata a casa mi sono tuffata in cucina e ho preparato questi muffins che io mangerò da domani a colazione mentre a mio marito addolciranno la serata. È una ricetta facile e veloce, io ho usato la marmellata per arricchirli ma volendo  si possono usare le gocce di cioccolato, avrete degli ottimi muffins alla stracciatella.

Ingredient per 12 muffins
220 g di farina 00
100 g di zucchero
1/2 bustina di lievito in polvere per dolci
120 g di burro fuso
120 ml di latte 
1 uovo
1 pizzico di sale 
  
       

Procedimento
Mescolare gli ingredienti secchi, farina, zucchero, lievito e il pizzico di sale in una capiente ciotola. In un secondo contenitore mescolare il burro che avrete sciolto nel latte e l'uovo. A questo punto unire tutti gli ingredienti e lavorare ricordando però che per una buona riuscita dei muffins l' impasto non deve essere girato molto. Versare ora il composto negli appositi stampini rivestiti con pirottini di carta riempiendoli fino a un dito dal loro bordo. Cuocere in forno a 180 gradi per 25 minuti. 

domenica 5 ottobre 2014

CIAMBELLA MARMORIZZATA


       

Ho assaggiato questa ciambella qualche tempo fa in casa di amici e mi ero ripromessa di farla, poi come spesso accade mi faccio dare la ricetta ma questa finisce immancabilmente nella mia scatola. 
Qualche giorno fa cercando appunto una torta da per colazione da poter fare mi sono imbattuta proprio in questa ciambella. Il risultato devo dire non è stato proprio eccellente ma si è lasciata mangiare ed è finita anche molto velocemente. Io sono sempre ipercritica con me stessa specialmente se devo preparare un dolce, comunque non mi do per vinta e proverò sicuramente a rifarla. Il difetto. He ho trovato: la parte scura non l'ho trovata abbastanza cioccolatosa ovvero mi spiego meglio avrei voluto che il cioccolato fosse un po più fondant. Riproverò e vi farò sapere, intanto vi lascio questa ricetta.

Ingredienti
400 g di farina
80 g di burro
80 g di zucchero
1 bicchiere di latte
30 g di cacao
2 uova
1 bustina di lievito per dolci
Zucchero a velo
     
       

Procedimento
In una ciotola mescolare la farina con il lievito, lo zucchero e un pizzico di sale. Aggiungere le uova sbattute separatamente, il burro fuso e li latte. Amalgamare il tutto fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. A un terzo dell'impasto incorporare il cacao. Imburrare e infarinare uno stampo a ciambella, lasciarvi cadere l'impasto bianco e sopra a cucchiaiate quello al cacao. Cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per 35/40 minuti. A cottura ultimata far raffreddare, volendo si può spolverizzare la ciambella con lo zucchero a velo.


 

martedì 30 settembre 2014

PAPPARDELLE CON CREMA DI LATTE E ZUCCHINE


       

Anche questa è una ricetta con le zucchine ma sono le ultime, le mie piante stanno ingiallendo e dovrò togliere tutto. Il raccolto quest'anno è stato abbondante e prolungato, ora sono rimaste solo nove, dieci zucche gialle, pronte per essere raccolte e cucinate, quindi aspettatevi tante altre ricette, questa volta con la zucca. Questa è una ricetta super veloce, preparata ieri sera in 15 minuti. Ieri è stata una giornata un po' malinconica  per me perché abbiamo portato nostro figlio a Padova nella sua nuova casa da studente, e si inizia un nuovo percorso per lui, gli ultimi due anni di università e poi...la laurea magistrale. Non posso dire che non mi mancherà, anche se comunque tornerà spesso a casa.  Allontanerò la malinconia cucinando e forse avrò un po' più di tempo per il mio blog e intanto con questa semplice ricetta  vi auguro buon appetito.

Ingredienti per 2 persone

160 g di pappardelle all'uovo
3 piccole zucchine trombetta ( ribadisco qualsiasi zucchina va bene, io ho quelle)
Aglio
Prezzemolo
Olio evo
100 g di Formaggio spalmabile light
Latte 
30 g di Parmigiano reggiano.
Pepe nero
           
                                             
         

Procedimento
Nella pentola a pressione ho soffritto poco poco aglio prezzemolo, ho aggiunto gli zucchini tagliati a piccoli cubetti, messo il coperchio è fatto cuocere per cinque minuti. Nel frattempo in una capiente padella ho preparato la crema di latte con il formaggio light (io Philadelphia) e tre cucchiai di latte e una presa di pepe nero macinato, volendo potete usare la panna, io ho voluto sperimentare una crema leggera. Cotto la pasta ho saltato il tutto in padella, ho completato con una spolverata di parmigiano. Impiattato è servito. Buon appetito.







domenica 28 settembre 2014

BISCOTTI DI PRATO


Anche settembre sta finendo, oggi mio marito e mio figlio saranno impegnati ad aiutare mio cognato nella vendemmia. È un momento speciale per loro, lavorano, chiacchierano, è a fine  giornata si siedono  a tavola tutti insieme. Di solito mia cognata prepara un pranzo tipico, crostini neri, pappardelle al sugo d'anatra, anatra in umido, arista al forno e come contorno la fresca verdura dell' orto, il tutto accompagnato dal vino della loro cantina . Qui in Toscana tengono molto a queste tradizioni e quindi per finire un buon bicchierino di vin santo che mio cognato conserva gelosamente nei suoi caratelli centenari e cantucci, tipici biscotti di Prato. Vi lascio la ricetta , provate a farli ma state attente perché creano dipendenza, uno tira l'altro. Buona Domenica a tutti.




Ingredienti
3 tuorli
2 uova
350 g di zucchero
450 g di farina
1/2 bustina di lievito
250 g di mandorle non spellate


Procedimento
Lavorare bene con le fruste i tuorli e le uova con lo zucchero, il composto dovrà risultare quasi bianco. Aggiungere la farina e il lievito setacciati poco alla volta, lavorando sempre con la frusta. Unire le mandorle. Formare con il composto, che risulterà abbastanza appiccicoso, 3 o 4 filoncini, se necessario per lavorarli bene bagnarsi le mani con acqua fredda. Infornare a 200 gradi per 30 minuti circa. Sfornare, lasciare raffreddare per 10 minuti e poi tagliare i biscotti leggermente di sbieco. Rimetterli in forno a biscottare sui due lati per circa 10 minuti da una parte e dall'altra. Si conservano molto bene per qualche giorno in una scatola di latta.


giovedì 11 settembre 2014

DADO HOME MADE

                  
                                             
        

Eccolo , finalmente mi sono decisa a scrivere la ricetta del mio dado vegetale fatto in casa, con le verdure dell'orto. Per me è di grande aiuto, lo metto quasi in tutti i piatti, inizialmente lo compravo, prima il dado vegetale classico, quindi con glutammato, poi quello bio, infine mi sono decisa, basta schifezze provo a farlo da me è così ho fatto. Ho cercato un poco sul web e sui vari blog, ma lo spunto l'ho preso dal blog La Cucina di Azzurra che ha pubblicato la sua ricetta addirittura sulla rivista Sale e Pepe! Per farlo lei ha usato il magico Bimby io non avendolo ho usato il mio kenwood Triblade, il risultato è comunque ugualmente ottimo. 

Ingredienti
2 cipolle
1 spicchio d'aglio
1 o 2 costoline di sedano
1 zucchina trombetta o 2 zucchine normali
2 carote
7/8 foglie di basilico ( adoro il suo profumo ) 
1 ciuffo di prezzemolo
5/6 pomodorini
2 foglie di salvia
1 rametto di rosmarino piccolo
250 g di sale
Olio evo
                                     
        
                                         
Procedimento
Tritare grossolanamente le verdure e farle insaporire in un tegame insieme a 2 cucchiai d'olio, mescolare e far cuocere per circa 15 minuti lasciando evaporare l'acqua che viene prodotta dalle verdure. Passato questo tempo aggiungere il sale e continuare a cuocere per circa 1 ora.  A questo punto frullate il tutto con un mixer ad immersione. Il vostro dado e pronto e potrete conservalo in vasetti di vetro oppure come faccio io nelle vaschette dei ghiaccioli in surgelatore, all'occorrenza basterà prenderne uno ed usarlo. Buon appetito.



mercoledì 10 settembre 2014

RISOTTO TALEGGIO E ZUCCHINE

                                                     

Ancora una ricetta con le zucchine, sarà l'ultima? Non so rispondervi perché io continuo il mio raccolto e se dovessi imbattermi in qualche ricetta speciale....chissà.  Io adoro i primi piatti e in special modo i risotti, avevo in frigo un pezzo di taleggio che chiamava all'appello e quindi bisognava usarlo ho provato e sono riuscita a fare un risottino cremoso, non proprio all'onda come avrei voluto ma abbastanza buono da essere fotografato e messo sul blog. 

Ingredienti per 3 persone
180 g di riso Vialone nano
1/2 cipolla di Tropea
2 zucchine trombette con i loro fiori
100 g circa di taleggio (io avevo quello)
1 dado home made (vegetale) 
Oilo evo
Sale pepe qb
1 noce di burro
Parmigiano reggiano

       

Procedimento
Affettare molto sottilmente la cipolla e farla appassire con l'olio, unire le zucchine affettate e far cuocere per 5 minuti, aggiungere il riso, farlo tostare dolcemente insieme alle zucchine e continuare la cottura aggiungendo poco alla volta del brodo vegetale ben caldo, aggiustare di sale. A cottura quasi ultimata aggiungere il taleggio a piccoli pezzi, il parmigiano e il burro. Togliere dai fornelli e fare mantecare. Servire ben cado con una spolverata di pepe nere. Buon appetito.

giovedì 4 settembre 2014

CREMA DI ZUCCHINE ORTO MIO


                                                 
        

Chi mi segue avrà ormai capito che quest'anno il mio orto ha prodotto una quantità industriale di zucchine. Tante ne ho regalate ma tante ne abbiamo mangiato. Quella di oggi è una ricetta super veloce proprio come piacciono a me, veloce ma deliziosa e anche bella da vedersi, soddisfa quindi mente, palato e vista. Comunque preparatevi perché finiti gli zucchini verranno le zucche. Eh si ho diverse zucche che cercano (dico cercano perché il sole quest'anno fa fatica a far capolino) di maturare, quindi troverò sicuramente qualche ricetta da fare con la zucca gialla. Godetivi questa crema di zucca e poi fatemi sapere. Buon Appetito.

Ingredienti
1 zucchina trombetta grande oppure 4 zucchine  
2 patate medie
1/2 cipolla di Tropea
Olio evo qb
1 dado  home made ( vegetale )

Procedimento
Pulire e lavare le zucchine, tagliarle a cubetti, fare ugualmente con le patate. In una casseruola mettere l'olio e far rosolare dolcemente la 1/2 cipolla affettata molto sottilmente, aggiungere le zucchine e le patate. Coprire con brodo vegetale e far cuocere per 30 minuti circa. Una volta cotta frullare il tutto, aggiustare di sale e servire accompagnata da crostini di pane e un filo d'olio evo.

martedì 12 agosto 2014

PARMIGIANA DI ZUCCHINE A MODO MIO



         

Le adoro, adoro le zucchine trombette e quest'anno il mio orticello mi ha premiato producendone una quantità esagerata. Come tutti gli anni con l'arrivo di giugno e dei miei genitori sono arrivate puntuali dalla Liguria anche le piantine di zucchina trombetta. Mio padre le ha piantate e io le ho accudite con tanto amore. Sono stata ripagata a dovere, un'infinità di fiori e di zucchine che ho cucinato in tutte le salse. Questa di oggi è una variante della parmigiana che vi propongo con le zucchine.
                                  
       

Ingredienti 
6 Zucchine trombette ( io ho queste ma si può fare con tutti i tipi di zucchina )
125 g di mozzarella fior di latte
125 g di scamorza ( non affumicata )
Parmigiano reggiano
Olio di semi di arachide
Per la pummarola
Passata di pomodoro
1 spicchio d'aglio 
5/6 foglie di basilico
Olio evo 
Sale

       

Procedimento
In un tegamino preparare la pummarola, far soffriggere appena l'aglio nell'olio aggiungere la passata di pomodoro, il basilico e un pizzico di sale. Lasciar cuocere 30/40 minuti. Volendo per velocizzare il tutto  la pummarola si può preparare in anticipo.
Affettare le zucchine, io le ho tagliate a rondelle perché la zucchina trombetta proprio per la sua conformazione è difficoltosa da affettare per lungo. In una capiente padella a bordi alti far scaldare l'olio e poi friggere le zucchine, scolarle bene dall'olio e salarle. Prendere una teglia, sporcare il fondo con la pummarola e iniziare con uno strato di zucchine, uno di mozzarella e scamorza, pummarola e una spolverata di parmigiano reggiano. Continuare con la stessa sequenza fino ad esaurimento degli ingredienti. Terminare con la pummarola e la spolverata di parmigiano. Infornare a 190 gradi per 30/40 minuti, regolatevi in base alla cottura del vostro forno. Buon appetito.





martedì 22 luglio 2014

CASERECCE CON PEPERONI E RANA PESCATRICE

                      
       


Eccomi con un primo piatto estivo, delicato ma nello stesso tempo saporito e profumato per la presenza dei  peperoni e della rana pescatrice che è uno dei miei pesci preferiti, adoro la sua carne soda e il suo gusto delicato. È un primo veloce da farsi, il tempo di cuocere la pasta e il piatto è pronto, provate a prepararlo e ....buon appetito.

Ingredienti per 3 persone
1 peperone piccolo
1 cipolla di Tropea 
6/8 pomodorini( io ho messo 3 San Marzano
1 filetto di rana pescatrice ( io me lo faccio preparare in pescheria, già pulito)
Prezzemolo
Olio evo
Sale
Pepe
          
                               
        
        
Procedimento 
Mettere a bollire l'acqua per la pasta, nel frattempo in una capiente padella a bordi alti mettere abbondante olio evo, affettare la cipolla e fare appassire, aggiungere il peperone tagliato a piccoli tocchetti e coprire con un coperchio.Tagliare a piccoli pezzi il filetto di rana pescatrice e aggiungere  alla cipolla e al peperone, salare, pepare e bagnare con un mestolo d'acqua di cottura della pasta, far cuocere qualche minuto, aggiungere i pomodorini tagliati in quattro e continuare la cottura ancora per qualche minuto. Scolare la pasta al dente e finire la sua cottura nella padella, questa operazione farà si che la pasta prenderà per bene il sapore del sugo in cui verrà saltata . Impiattare e servire con una spolverata di prezzemolo tritato e un filo d'olio evo. 

sabato 19 luglio 2014

TORTELLI RIPIENI CON ZUCCHINE E SPECK



                                            
        

Buongiorno, questa mattina voglio postare una ricetta tutta mia, infatti ho voluto provare a fare questi tortelli con un ripieno un poco diverso dal solito. Dovete sapere che nel mio piccolo orto (che curo amorevolmente) quest'anno abbondano le zucchine trombette, è un piacere di prima mattina scendere a raccogliere questi frutti ma... mi ritrovo il frigo strabordante di zucchine. Così domenica scorsa mi sono alzata come sempre presto, sono scesa a raccogliere la mia "dose" quotidiana di zucchine ( ne raccolgo circa 7/8 al giorno e 18/20 fiori. Ho provato a cucinare di tutto e di più con le trombette, torte salate, flan, lasagne ma mi mancavano i tortelli che hanno fanno bella figura nei piatti della tavola di domenica. Buon appetito.

                            
       

Ingredienti per 3 persone
300 g di farina 00
3 uova medie
Sale 1 pizzico
Per il ripieno
3 zucchine trombette ( si possono usare tutti i tipi di zucchine aumentando un po' la quantità)
1/2 cipolla di Tropea
Speck 50 g ( in un solo pezzo)
Parmigiano 100 g


                                             
        

Procedimento
Per prima cosa preparare il ripieno. Tagliare le zucchine a julienne e fare insaporire in una padella (con un giorno di olio evo) assieme alla cipolla tritata finemente. Fare cuocere a fuoco lento 10 minuti circa, aggiustare di sale, pepe. A questo punto tritare lo speck e fare insaporire assieme alle zucchine, lascia raffreddare il tutto. Nel frattempo preparare la sfoglia per i tortelli. Nella planetaria mettere la farina con le uova e il pizzico di sale, azionare a velocità 2 e impastare fino a che l'impasto risulterà liscio, omogeneo e compatto, quindi prelevarlo dalla ciotola e porlo sulla spianatoia leggermente infarinata. 
Stendete a questo punto la sfoglia con la macchina Imperia, portandola ad uno spessore abbastanza sottile. Aiutandovi con un cucchiaino formare con il ripieno tanti bocconcini e distribuirli sulla sfoglia alla distanza di 3-5 cm. Ripiegare la sfoglia, chiudere con la rotella i tortelli ripassando i bordi con i rebbi della forchetta per evitare che vi si aprano durante la cottura. Cuocere in acqua salata bollente per 5 min. circa.   Condire con burro, salvia e parmigiano.

domenica 13 luglio 2014

RISOTTO AI FRUTTI DI MARE

                                                     
Risotto ai frutti di mare, ho provato tante ricette ma nessuna m aveva mai soddisfatta, con questa ricetta invece ho soddisfatto il palato di un'allegra combriccola riunita a casa mia per festeggiare l'inizio dell'estate. Il risultato a detta dei commensali è stato eccellente. Provare per credere.

Ingredienti per 4 persone
Riso Carnaroli 250 g
8 scampi
12 gamberi
8 calamari
4 seppie medie
200 g cozze
300 g vongole
1 costolina di sedano
1 carota




Procedimento
Per preparare un buon risotto la cosa fondamentale è prepare un buon fumetto di crostacei che sarà la  base principale del vostro risotto. Pulire bene i crostacei togliendone la testa che vi servirà appunto per il brodo, lasciate interi solo quelli che vi serviranno per la decorazione finale. In una pentola fare soffriggere tutti questi scarti, salare, pepare e sfumare con poco vino bianco. Appena sfumato coprire con acqua fredda e aggiungere  1 carota, 1 costolina di sedano, piccola, magari solo un pezzo (io ho usato il mio dado vegetale fatto in casa) portate a bollore facendo cuocere 40 minuti circa. In un'altra pentola fare aprire cozze e vongole, filtrare la loro acqua e tenerla da parte. A questo punto in una pentola capiente ( il riso per cuocere bene ha bisogno di molto spazio) versare un filo d'olio e cominciare a rosolare le seppie e i calamari precedentemente lavati e tagliati a piccole strisce, aggiungere il riso, tostarlo e sfumare il tutto con il vino bianco. Appena il vino sarà evaporato aggiungere un mestolo di fumetto di pesce, proseguire la cottura aggiungendo al bisogno il brodo ( stare molto attenti alla cottura, un buon risotto dipende anche da questa) A tre quarti di cottura aggiungere i frutti di mare con qualche cucchiaio della loro acqua, i gamberi sgusciati e gli  scampi ( stando attenti a non romperli, vi serviranno come decorazione finale)  Servire il risotto con una spolverata di  prezzemolo tritato. Buon Appetito














martedì 24 giugno 2014

PANINI AL LATTE MORBIDISSIMI



Comincia a fare caldo ma io non riesco a stare lontano dal forno e questa sera per cena proporrò questi panini al latte fatti con il lievito madre essiccato del Molino Rossetto. Lo so non è lievito madre puro c'è comunque un po' di lievito di birra per l'attivazione ma sono sicuramente più digeribili che fatti solo con lievito di birra. La cottura è molto veloce circa 10 minuti, quindi il forno non deve stare molto acceso e con queste temperature è la cosa migliore. Con questa dose d'impasto riesco ad ottenere 12 panini che poi dividerò in sacchetti e metterò in congelatore, pronti al momento del bisogno.

Ingredienti
300 g di farina manitoba
200 g di farina 00
35 g di lievito madre essiccato
300 ml di latte
1 cucchiaino di sale
10 g di zucchero
20 g di burro
                                                    
        

Procedimento
Nella planetaria a velocità 3 lavorare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso. Formare una palla e lasciare lievitare per un'ora. A questo punto formare le palline e farle lievitare in teglia rivestita con carta da forno ancora per un'altra ora. Passato questo tempo infornare a 200° per una decina di minuti. Lasciare raffreddare e mettere in tavola o congelare in sacchetti freezer.

domenica 22 giugno 2014

COOKIES AL CIOCCOLATO FONDENTE



Questi biscotti sono golosissimi, assaggiati e rifatti, io ho usato del'ottimo cioccolato svizzero che mi è stato regalato da mia cognata che appunto vive in Svizzera ma voi potete usare un qualsiasi cioccolato, la cosa importante è che sia fondente perché i biscotti sono molto dolci.


Ingredienti
250 g di farina 00
1/2 cucchiaino di bicarbonato di soda
1 bustina di vanillina
125 g di burro a temperatura ambiente
125 g di zucchero di canna
125 g di zucchero bianco
1 uovo
200 g di cioccolato sminuzzato (io con il mixer)


Procedimento
Preriscaldare il forno a 170° C
Montare bene il burro con lo zucchero fino ad ottenere un crema soffice, aggiungere l'uovo, lavorare ancora per amalgamare bene il tutto, aggiungere la farina, il bicarbonato, la vanillina e da ultimo il cioccolato. Amalgamare bene e con le mani formare delle palline della grandezza di una noce.foderare una teglia con carta da forno e posare le palline d'impasto be separate tra di loro perché durante la cottura tenderanno ad allargarsi. Infornare e cuocere per 10 minuti. Questi biscotti saranno morbidi al centro e croccantini ai bordi.

venerdì 6 giugno 2014

TAGLIATELLE CON CREMA DI LIMONE


      
Anche questa è una ricettina veloce veloce, in casa mia, subito,  hanno storto il naso ma poi devo dire che è stato un successo. Il limone grattugiato le conferisce un profumo intenso ma nello stesso tempo un sapore molto delicato.

Ingredienti per 4 persone
250 g di tagliatelle
2 limoni bio
50 g di panna da cucina
30 g di burro
Parmigiano reggiano grattugiato qb
Sale

Procedimento
In una capiente padella fare fondere il burro, una volta spumeggiante aggiungere la buccia grattugiata dei limoni, un pizzico di sale, la panna, mescolare. Lessare le tagliatelle, scolarle al dente e saltarle nella crema al limone. Impiattare sul piatto di portata cospargendo con abbondante parmigiano reggiano grattugiato. Volendo dare un tocco finale al piatto potete decorare con zeste di limone.

domenica 1 giugno 2014

CROISSANT sua maestà la delizia


                                       

Per questa ricetta non ci sono parole, semplicemente fantastica. Forse un po' lungo il procedimento ma per niente noioso, tra un giro di sfoglia e l'altro c'è il tempo di fare qualsiasi cosa. Una ricetta riuscitissima presa dal blog di Anice e Cannella e riproposta tale e quale. Provate e non vi pentirete di aver perso tempo con loro. Unica pecca, calorici anzi super calorici ma una volta alla settimana ci si può lasciare tentare. Che ne dite?
             

Ingredienti
275 g di farina 00
275 g di farina Manitoba
15 g di lievito di birra (cubetto)
10'g di sale
90 g di zucchero
1 tuorlo
170 g di acqua
120 g di latte
30 g di burro
1 cucchiaio di rum
La buccia gratuggiata di un limone 

Per i giri
290 g di burro
1 tuorlo per spennellare 

                       

Procedimento
Preparare il poolish  con 170 g di acqua, il lievito di birra sciolto, 150 g di farina presa dal totale. Mescolare giusto per amalgamare e far riposare coperto da pellicola un'ora circa. A questo punto versare il poolish nella planetaria unirvi 2/3 cucchiai di farina e iniziare ad impastare con il gancio a foglia. Aggiungere il tuorlo, lavorare fino a che non verrà del tutto assorbito, aggiungere metà dello zucchero e continuare ad impastare. Aggiungere ancora un po' di farina, l'altra metà dello zucchero, impastare ancora. Continuare così aggiungendo man mano il latte e la farina fino ad esaurimento degli ingredienti. Per ultimo aggiungere il sale, e lavorare fino a che l'impasto non vi risulterà liscio ed elastico. A questo punto aggiungere gli aromi, il burro e fare incordare l'impasto cambiando il gancio (usare quello ad uncino) porre in una ciotola coperto con pellicola e far riposare in frigo per un'ora. Passato questo tempo tirare fuori l'impasto e formare un rettangolo dell' altezza di un centimetro circa.
Su di un foglio di carta da forno stendere i 290 g di burro tagliati a fette sottili, posizionate vicino per formare un rettangolo. Posizionare sul rettangolo di pasta il burro ma solo su due terzi dell'impasto base, in modo da lasciare 1/3 di parte libero. La parte del rettangolo senza burro andrà ripiegata sul burro a mo' di pacchetto, sigillare bene il tutto. A questo punto iniziare con i classici giri di tournage per sfogliare ( sul sito di Anice e Cannela troverete la spiegazione della pieghe ben documentata, con foto molto esaustive ) 
Una piega ogni 40 minuti per 4 volte, tra una piega e l'altra far riposare  il panetto in frigo. Passiamo ora alla formatura,. Dopo il riposo dell'ultima piega stendere l'impasto in un rettangolo alto circa 7 mm, tagliarlo a triangoli isosceli con un coltello ben affilato, la base del triangolo deve essere di circa 9 cm per un altezza di 15 cm circa. Formare i croissant tirando leggermente la punta, più e lungo il triangolo più giri avrà il vostro croissant, più bello sarà a vedersi. Avvolgerlo ben stretto facendo in modo che la puntasi trovi sul davanti e finisca sotto, facendo così non si solleverà durante la cottura.
A questo punto avrete due strade da seguire o lasciare lievitare tutta la notte ( io ho preparato l' impasto di sera) e cuocere tutti i croissant la mattina presto, oppure come ho fatto io, ho congelato 
I croissant da crudi e poi li ho messi in un sacchetto, quando vorrò mi basterà tirarli fuori dal freezer la sera prima e lasciar lievitare durante la notte per poi cuocerli la mattina. Buona colazione.






venerdì 30 maggio 2014

LASAGNE CON IL PIZZICO, FAGIOLINI,PATATE E PESTO.




Ecco un'altra ricetta tipica delle mia regione, la pasta fatta in casa con fagiolini, patate e pesto. Il piatto che troverete in tutti i ristoranti liguri e non, le trofie o gli gnocchi al pesto, sono sicuramente conosciuti in tutta Italia ma le lasagne con il pizzico, più note con il nome di farfalle le troverete solo nella provincia di Imperia e non nei ristoranti ma nelle case degli Imperiesi doc.

Ingredienti per tre persone
200 g di farina 00
2 uova
1 pizzico di sale

Per il pesto
1 mazzetto di basilico
Pinoli
1 spicchio d'aglio
Parmigiano  grattugiato
Pecorino grattugiato

1 patata
1 manciata di fagiolini


Procedimento

Sulla spianatoia fare una fontana con la farina, aggiungere il pizzico di sale e le uova al centro, cominciate ad amalgamare. Una volta ben amalgamato cominciare ad impastare fino a che la pasta vi risulterà liscia. Usando il mattarello stendere la pasta sottile, 2 mm di spessore. Aiutandovi con la rotella tagliare dei piccoli rettangoli e pizzicare con due dita il centro di questi formando appunto delle farfalle, lasciare riposare la pasta.
Nel frattempo preparare il pesto, io lo preparo rigorosamente con il mortaio ma penso che sia più facile (per chi non lo ha mai usato) usare il frullatore. Comunque per chi volesse cimentarsi nel suo uso ricordi sempre di mettere in questa sequenza  gli ingredienti, basilico, aglio, sale grosso 1 pizzico, l' olio e il parmigiano vanno aggiunti solo da ultimo.
Lessare in una pentola (con abbondante acqua salata) la patata tagliata a tocchetti piccolini e i fagiolini spezzettati per qualche minuto, poi aggiungere le farfalle e farle cuocere fino a che ritorneranno in superficie. Scolarle e condirle con il pesto.









sabato 26 aprile 2014

CANTUCCI


                                                       


Ottimi biscotti da inzuppare nel Vin Santo, se poi avete la fortuna di aver un ottimo Vino prodotto in casa....io la ho, perché il Vin Santo lo produce il mio super cognato nella sua bellissima cantina con tanti caratelli ( perché così si chiama la botticella dove viene lasciato riposare questo rosolio) che custodisce con cura.

Ingredienti
3 tuorli
2 uova
350 g di zucchero
450 g di farina
1/2 bustina di lievito
250 g di mandorle non spellate
                                         
        

Procedimento
Lavorare bene con le fruste i tuorli e le uova con lo zucchero, il composto dovrà risultare quasi bianco. Aggiungere la farina e il lievito setacciati poco alla volta, lavorando sempre con la frusta. Unire le mandorle. Formare con il composto, che risulterà abbastanza appiccicoso, 3 o 4 filoncini, se necessario per lavorarli bene bagnarsi le mani con acqua fredda. Infornare a 200 gradi per 30 minuti circa. Sfornare, lasciare raffreddare per 10 minuti e poi tagliare i biscotti leggermente di sbieco. Rimetterli in forno a biscottare sui due lati per circa 10 minuti da una parte e dall'altra. Si conservano molto bene per qualche giorno in una scatola di latta.